Martedì 4 agosto, alle 18:08, la forte esplosione avvenuta nel porto di Beirut stravolgeva la città, provocando la morte di centinaia di morti e feriti e distruggendo case ed edifici. A una settimana di distanza, la capitale libanese ricorda quel momento così tragico. Alle 18:08 le chiese hanno suonato le campane e i muezzin hanno richiamato i fedeli a un momento di preghiera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Grecia chiede riunione d’emergenza Ue sulla Turchia: “Nuova grave escalation”. La partita a scacchi sulle risorse energetiche

next
Articolo Successivo

Impennata di casi di Covid in Germania: 1.226 in un giorno. In Grecia contagi ai massimi da inizio pandemia. Record negativo per la Francia. Duterte (Filippine): “Farò da cavia per il vaccino russo”

next