Martedì 4 agosto, alle 18:08, la forte esplosione avvenuta nel porto di Beirut stravolgeva la città, provocando la morte di centinaia di morti e feriti e distruggendo case ed edifici. A una settimana di distanza, la capitale libanese ricorda quel momento così tragico. Alle 18:08 le chiese hanno suonato le campane e i muezzin hanno richiamato i fedeli a un momento di preghiera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Grecia chiede riunione d’emergenza Ue sulla Turchia: “Nuova grave escalation”. La partita a scacchi sulle risorse energetiche

next
Articolo Successivo

Impennata di casi di Covid in Germania: 1.226 in un giorno. In Grecia contagi ai massimi da inizio pandemia. Record negativo per la Francia. Duterte (Filippine): “Farò da cavia per il vaccino russo”

next