“Sono fondate le eccezioni sollevate dalla Cei e dal Family Day sulla compatibilità delle nuove linee guide del ministro Speranza con la Legge 194. Quando si consente di non terminare in tutti i sensi l’interruzione nella struttura ospedaliera ma nelle mura domestiche molti parlano di rischio per la salute. E poi c’è il tema della banalizzazione dell’aborto stesso – così Maurizio Marrone, assessore in Piemonte alla Semplificazione, che intende chiedere il parere prima di far applicare dalla sanità piemontese le nuove linee guida, annunciate dal Ministro della Salute Roberto Speranza, che regolano l’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico in day hospital e senza obbligo di ricovero – Se c’è un’incompatibilità non va bene, non può contraddire una fonte legislativa. La prima verifica sarà giuridica, successivamente approfondiremo con il personale sanitario. Silvio Viale? Ammette di avere sempre violato le linee guida precedenti, è una risposta che non ho compreso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono tre i deputati ad aver ricevuto il bonus 600 euro: in 5 lo avevano richiesto. Fico: “Chiedano scusa e restituiscano i soldi”

next