L’esplosione ha divelto le finestre, l’appartamento, come tante case di Beirut, sembra un campo di battaglia, ma May Abboud Melki, 79 anni, si mette al pianoforte e suona Auld Lang Syne. La scena è stata ripresa dalla nipote che la ha postata sui social network, dove è diventata presto virale. Un messaggio di speranza per le migliaia di libanesi travolti da questa ennesima tragedia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, “un boato improvviso, fortissimo, eravamo smarriti”: il racconto del militare italiano ferito nell’esplosione

next
Articolo Successivo

Hiroshima, il ricordo del Giappone 75 anni dopo il bombardamento atomico. Le immagini della commemorazione

next