L’esplosione ha divelto le finestre, l’appartamento, come tante case di Beirut, sembra un campo di battaglia, ma May Abboud Melki, 79 anni, si mette al pianoforte e suona Auld Lang Syne. La scena è stata ripresa dalla nipote che la ha postata sui social network, dove è diventata presto virale. Un messaggio di speranza per le migliaia di libanesi travolti da questa ennesima tragedia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, “un boato improvviso, fortissimo, eravamo smarriti”: il racconto del militare italiano ferito nell’esplosione

next
Articolo Successivo

Hiroshima, il ricordo del Giappone 75 anni dopo il bombardamento atomico. Le immagini della commemorazione

next