“No more Troika, questo sarebbe il titolo. La Grecia ha vissuto col Mes per dieci anni…abbiamo la conoscenza che significa un memorandum, tanta pressione”. Così il viceministro degli esteri greco Miltiadis Varvitsiotis, che ha la delega alle politiche Ue, in un’intervista al Tg2 ha motivato la decisione del suo Paese di non chiedere un nuovo prestito al Meccanismo europeo di stabilità. Nonostante la nuova linea di credito pandemica messa a punto nei mesi scorsi non preveda condizionalità se non l’utilizzo dei soldi per coprire le spese sanitarie legate al Covid e sia conveniente rispetto all’emissione di titoli di Stato: i decennali greci pagano oggi un interesse di circa l’1% mentre i prestiti del Mes costerebbero poco più dello 0,1% annuo.

Come è noto la Grecia, durante la crisi del debito, ha ottenuto anche un prestito dal Mes – nel 2015, dopo la scadenza del programma del suo predecessore Fondo europeo di stabilità finanziaria – accompagnato in quel caso da un memorandum che prevedeva riforme strutturali pesanti per garantire la sostenibilità dell’indebitamento.

Il primo ministro di centrodestra Kyriakos Mitsotakis ha detto nelle scorse settimane che il Paese “ha già fatto tanti sacrifici in cambio dei prestiti europei non vuole più saperne di una supervisione rigorosa e impopolare sui suoi conti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, Pil in calo del 18,5% negli ultimi tre mesi: è il dato peggiore nell’Eurozona

next
Articolo Successivo

Dombrovskis: “patto di stabilità sospeso anche nel 2021”. Per il futuro si ritoccano le regole ma i vincoli rimangono

next