Continua il lavoro degli inquirenti di Napoli sul monitoraggio degli appalti Covid durante l’emergenza sanitaria in Campania. Dopo le iscrizioni nel registro degli indagati per il caso dei Covid center i carabinieri hanno eseguito una perquisizione nell’Istituto zooprofilattico (Izsm) di Portici (Napoli) che figura tra le strutture a cui è stata delegata dalla Regione Campania l’esecuzione dei tamponi per la rilevazione del coronavirus.

I militari dell’Arma hanno eseguito un decreto di perquisizione emesso dai pm Di Mauro e De Roxas nell’ambito di uno dei filoni dell’indagine con la quale la Procura di Napoli sta facendo accertamenti riguardo eventuali responsabilità (amministrative o penali) sulla gestione degli appalti per la gestione dell’’emergenza innescata dalla pandemia. Il decreto di perquisizione riguarda il direttore della struttura, Antonio Limone, che è indagato.

I carabinieri hanno eseguito perquisizioni anche negli uffici della Ames di Casalnuovo, un centro polidiagnostico strumentale che si trovano in provincia di Napoli: si tratta di una struttura privata alla quale l’Istituto zooprofilattico di Portici ha fatto riferimento per le analisi dei tamponi. Anche il vertice della struttura privata risulta indagato. La Procura di Napoli sta cercando di fare luce sui rapporti tra l’istituto e il centro analisi nell’ambito del filone che fa riferimento alle forniture dell’inchiesta sulla gestione degli appalti per l’emergenza coronavirus in Campania.

Foto di archivio

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delitto di via Poma, 30 anni dopo la verità (ancora) impossibile sulla morte di Simonetta Cesaroni. Appello ai pm: “Diano un segnale”

next
Articolo Successivo

Fondi Lega, la Camera autorizza perquisizione dell’azienda del deputato Boniardi. I pm: “Ipotesi fatture per operazioni inesistenti”

next