“Si avverte la necessità di individuare con maggior precisione sedi e procedure attraverso le quali il principio di leale collaborazione, caposaldo della giurisprudenza costituzionale, possa divenire sempre di più la cifra dei rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Automomie locali. È importante che la soggettività politica delle Regioni si sviluppi non in contrapposizione con l’indirizzo politico statale ma in chiave di confronto e di cooperazione”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’incontro con i presidenti di Regione al Quirinale. Il Capo dello Stato è poi tornato a parlare del coronavirus, sottolineando che sul dossier delle autonomie territoriali un’indicazione viene proprio dall’emergenza epidemiologica che ha posto “questioni di gestione, adeguatezza e adeguamento dei sistemi sanitari”. “Se la violenza dell’epidemia appare essersi attenuata, non sono venute meno le esigenze di promuovere politiche coerenti con la tutela della salute dei nostri concittadini e con le esigenze di rilancio dell’economia del Paese, così duramente colpita dalle conseguenze della crisi sanitaria”, ha sottolineato infine il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, consigliere leghista del Friuli: “Io gli sparerei”. È polemica a Montecitorio e il centrosinistra chiede al Carroccio di dissociarsi

next
Articolo Successivo

Beirut, ‘un abbraccio agli amici libici’. Di Stefano ha ragione: c’è poco da scherzare

next