Durante la discussione generale a Montecitorio sulle norme sulla parità di genere nelle consultazioni regionali con particolare riferimento alla Regione Puglia, la deputata dem Laura Boldrini afferma: “Voglio lanciare un appello alle pugliesi e ai pugliesi non votate le liste che dovessero ignorare l’esistenza stessa delle donne, non lo fate!”. L’ex presidente della Camera, infatti, continua: “Pagando una piccola sanzione si può presentare una lista di soli uomini, così la parità va a farsi benedire“. Al termine della discussione generale la Ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti dopo aver ringraziato il governo per l’elaborazione del provvedimento che va colmare la lacuna nella Regione Puglia per le prossime elezioni Regionali, fa un appello al Parlamento: “Portiamo avanti insieme a compimento una proposta compiuta della parità della presenza maschile e femminile in tutti i luoghi istituzionali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini a Sesto San Giovanni, regala la mascherina a un simpatizzante poi continua a fare selfie (senza indossarla)

next
Articolo Successivo

Ferrara, pignorato lo stipendio del vicesindaco leghista Nicola Lodi, detto Naomo: ha debiti con le Entrate e due privati

next