“Rispetto ai treni, in attesa che a Roma finiscano di litigare, confermiamo l’ordinanza che abbiamo fatto che permette la capienza in base all’omologazione. Non è un atto di irresponsabilità. Vorrei ricordare che il 13 aprile a Palazzo Chigi le parti sociali assieme al Governo hanno chiuso il famoso accordo per le prime aperture. Per mettere in sicurezza i lavoratori, nell’accordo c’è scritto che sotto il metro di distanza due o più lavoratori possono lavorare fianco a fianco portando la mascherina. Vuol dire, per la proprietà transitiva, che gli stessi lavoratori negli autobus possono stare fianco a fianco con la mascherina. Auspico che Roma chiarisca.” Così il governatore del Veneto Luca Zaia, a proposito delle misure di distanziamento sui treni e i mezzi pubblici, nel corso della conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione sul coronavirus in Regione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Zaia attacca i migranti: “Senza centri accoglienza non avremmo avuto i focolai, devono tornarsene a casa”

next
Articolo Successivo

Legge contro l’omofobia, il ddl Zan in discussione alla Camera: la diretta da Montecitorio

next