“Rispetto ai treni, in attesa che a Roma finiscano di litigare, confermiamo l’ordinanza che abbiamo fatto che permette la capienza in base all’omologazione. Non è un atto di irresponsabilità. Vorrei ricordare che il 13 aprile a Palazzo Chigi le parti sociali assieme al Governo hanno chiuso il famoso accordo per le prime aperture. Per mettere in sicurezza i lavoratori, nell’accordo c’è scritto che sotto il metro di distanza due o più lavoratori possono lavorare fianco a fianco portando la mascherina. Vuol dire, per la proprietà transitiva, che gli stessi lavoratori negli autobus possono stare fianco a fianco con la mascherina. Auspico che Roma chiarisca.” Così il governatore del Veneto Luca Zaia, a proposito delle misure di distanziamento sui treni e i mezzi pubblici, nel corso della conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione sul coronavirus in Regione.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Zaia attacca i migranti: “Senza centri accoglienza non avremmo avuto i focolai, devono tornarsene a casa”

next
Articolo Successivo

Legge contro l’omofobia, il ddl Zan in discussione alla Camera: la diretta da Montecitorio

next