Si chiama “eVMP” la nuova piattaforma costruttiva modulare messa a punto da PSA per fare da ossatura ai veicoli a trazione 100% elettrica dei marchi Peugeot, Opel, Citroen e DS. Un nome che è acronimo di “Electric Vehicle Modular Platform” e che rappresenta l’asso nella manica del gruppo transalpino per mantenere la competitività negli affollati segmenti C e D, quelli di auto come Peugeot 308 e 508, per intendersi, ma anche dei Suv 3008 e 5008. La eVMP, peraltro, sarà compatibile anche con meccaniche ibride, composte cioè da motore termico ed elettrico.

Sarà adottata a livello globale a partire dal 2023 – il primo modello a beneficiarne potrebbe essere la nuova generazione della Peugeot 3008 – e potrà ospitare batterie con capacità da 60 a 100 kWh, alloggiate sotto il pianale, e capaci di garantire un’autonomia omologata compresa fra 400 km a 650 km. Accumulatori che andranno ad alimentare uno o due motori elettrici – uno per asse, in modo da poter contare pure sulla trazione a quattro ruote motrici – con potenza massima fino a 340 Cv.

“Con questa piattaforma eVMP, Groupe PSA dimostra ancora una volta la sua capacità di innovare sviluppando tecnologie all’avanguardia e convenienti per i suoi clienti, grazie alle scelte accurate che hanno permesso di ridurre significativamente le spese di ricerca e sviluppo e gli investimenti industriali”, sostiene in una nota ufficiale Nicolas Morel, direttore ricerca e sviluppo di Groupe PSA: “Questa piattaforma globale consentirà di offrire una gamma di veicoli rispettosi dell’ambiente, in grado di soddisfare le aspettative in evoluzione dei nostri clienti e garantire piacere di guida e sicurezza a bordo, valori alla base della reputazione del Gruppo”.

La eVMP rappresenta un’evoluzione dell’attuale piattaforma Emp2: ciò ha permesso di contenere i costi di sviluppo e ottenere le massime sinergie con le linee produttive già esistenti, consentendo di limitare ulteriormente gli investimenti. Inoltre, nel 2025 è previsto l’esordio di una seconda piattaforma modulare, a sua volta evoluzione dell’attuale e-CMP in forze a Opel Corsa e Peugeot 208 elettriche, destinata alle auto di dimensioni compatte.

In virtù del matrimonio in corso fra FCA e PSA, le news relative alle nuove piattaforme francesi finiscono per interessare anche il gruppo italoamericano: molto probabilmente, e in un’ottica di ottimizzazione delle economie di scala e condivisione della componentistica, le nuove architetture in questione faranno da base costruttiva a numerosi modelli a marchio Fiat, Jeep e Alfa Romeo.

Candidati ideali a ricevere le nuove architetture sono le venture generazioni di Fiat Panda e 500X, Jeep Renegade e Compass (nonché il nuovo urban suv del marchio americano, già annunciato), ed un’eventuale erede dell’Alfa Romeo Giulietta, oltre che il futuro B-Suv del Biscione. Per i brand premium, come Maserati, ma anche per le vetture alto di gamma di Alfa Romeo, Jeep e Maserati, invece, potrebbe essere prevista una piattaforma dedicata, evoluzione del pianale Giorgio che attualmente viene adoperato per Giulia e Stelvio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jeep Renegade e Compass 4xe, arrivano le suv ibride plug-in di Fca

next