Anche Jeep sposa la causa ambientale: il costruttore americano di proprietà del gruppo FCA, infatti, ha messo a listino le nuove Renegade e Compass 4xe, i primi modelli ibridi plug-in della marca destinati al mercato europeo. Auto che possono viaggiare per circa 50 chilometri in modalità di marcia 100% elettrica, ovvero a zero emissioni: ciò è possibile grazie alla batteria dedicata da 11,4 KWh (alloggiata sul pavimento dell’auto), che alimenta un motore elettrico da 60 Cv di potenza massima, collegato all’asse posteriore. La trasmissione adotta un cambio automatico a 6 marce.

Lavorando congiuntamente all’unità termica turbobenzina da 1,3 litri, l’elettromotore assicura che l’auto abbia quattro ruote motrici: così è rispettata pure la tradizione del brand americano, fatta di inarrestabilità in fuoristrada e spirito avventuriero. La batteria da 11,4 kWh è ricaricabile durante la marcia, attraverso il sistema che recupera l’energia prodotta in frenata, o mediante una presa di corrente esterna: con una sorgente di elettricità a 2,3 kW, il tempo di rifornimento è inferiore a 5 ore, mentre con la Wallbox a 7,4 kW, bastano 100 minuti per “fare il pieno”. Il modulo elettrico e relativo accumulatore non hanno compromesso la capacità di carico del bagagliaio, rimasta quasi inalterata rispetto alla versione con motore tradizionale e pari a 330 litri per Renegade e 420 litri per Compass.

Il propulsore turbo da 1,3 litri è disponibile in due livelli di potenza: 130 180 cavalli a cui si aggiungono, appunto, i 60 prodotti dal motore elettrico per un totale di 190 e 240 Cv. Elevata la coppia motrice, visto che l’unità elettrica produce 250 Nm e quella termica altri 270 Nm. Numeri che assicurano prestazioni brillanti: accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in circa 7,5 secondi e velocità massima pari a 130 km/h in modalità elettrica e fino a 200 km/h in modalità ibrida, quando il consumo medio omologato è pari a 2 litri/100 km (con emissioni di CO2 inferiori a 50 g/km nella modalità ibrida).

Il sistema propulsivo presenta tre modalità di funzionamento: hybrid, in cui motore elettrico e termico operano insieme, electric, per viaggiare a zero emissioni, ed e-save, che consente di mantenere la carica della batteria o di ricaricarla durante la guida attraverso il motore a combustione interna. La gamma dei modelli Jeep 4xe presenta uno nuovo schermo TFT a colori da 7” e un display touchscreen da 8.4” Uconnect con integrazione Apple CarPlay, Android Auto e radio DAB: entrambi offrono schermate specifiche per la guida elettrificata.

I servizi connessi delle auto consentono di monitorare da remoto i parametri della batteria, la climatizzazione e la fase di ricarica. Il navigatore satellitare permette poi di visualizzare sulla mappa tutte le stazioni di ricarica disponibili più vicine – con specifica dei connettori, degli orari e dello stato – oltre ai punti di interesse da te impostati. Sempre da remoto si possono organizzare i momenti di ricarica, definire la potenza erogata o programmare il pre-condizionamento dell’abitacolo per un dato orario.

L’allestimento include fari Full Led, frenata automatica di emergenza, dispositivo di mantenimento della propria corsia di marcia e cruise control adattivo, nonché la funzione di riconoscimento della segnaletica stradale. Fa parte del corredo pure la telecamera posteriore per la retromarcia e il rilevatore di stanchezza del conducente, disponibile per la prima volta su un modello Jeep. Renegade 4xe e Compass 4xe sono già ordinabili, con prezzi rispettivamente a partire da 38.500 e 44.400 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maserati Ghibli Hybrid, il primo passo verso l’elettrificazione del Tridente – FOTO

next
Articolo Successivo

Psa eVMP, arriva nel 2023 la piattaforma elettrica che servirà anche a modelli Fca

next