Il popolare browser di Google, Chrome, si arricchirà presto di una nuova e utile funzione su Android: la protezione tramite impronta digitale della funzione di autocompilazione dei dati in caso di pagamenti digitali. In pratica, se utilizzerete Chrome per navigare su un sito di e-commerce o altro in cui effettuate abitualmente acquisti, il browser richiederà la verifica della vostra impronta digitale per autorizzare il riempimento automatico dei tipici form online con i dati per il pagamento.

Attualmente, quando si effettua un acquisto tramite Chrome da smartphone, il sistema di sicurezza chiede già l’inserimento del codice di sicurezza CVC della propria carta prima che la funzione di compilazione automatica inserisca nel form online il numero completo della carta stessa. Tuttavia questa procedura di sicurezza sarà rafforzata nelle prossime settimane, quando Chrome consentirà appunto su Android di utilizzare l’autenticazione biometrica del telefono per recuperare i numeri di carta quando si effettua un acquisto.

Inserire il codice CVC non sarà dunque più necessario, tranne quando si utilizza la carta di credito per la prima volta. La nuova opzione sarà comunque disattivabile da parte dell’utente, che potrà quindi decidere di continuare a usare il codice CVC.

L’utilizzo del riempimento automatico per compilare all’istante i campi di pagamento o di accesso non è solo una questione di praticità. Il sistema Chrome inserisce infatti le informazioni solo sui siti che abbiamo già usato in precedenza, proteggendoci così dall’immissione manuale di password o dati sensibili sui siti di phishing, quelli cioè verso cui l’utente viene fraudolentemente dirottato a sua insaputa da un link fasullo, spesso contenuto in apposite mail. Google afferma che questa funzione verrà implementata su Chrome per Android nelle prossime settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dive Esports: dai Samsung Morning Stars ai Tempra Esports, l’agency italiana che punta all’Europa

next
Articolo Successivo

Sony KD-43XG8396, smart TV 4K 43 pollici su Amazon con sconto di 328 euro

next