L’alcol non basta? “Usate la benzina per disinfettare le mascherine“. Questo il consiglio del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ai suoi connazionali per riutilizzare le mascherine anti contagio. Dichiarazioni fatte “con la massima serietà“, ha precisato il presidente, nonostante in alcune occasioni i suoi consiglieri dicono che stia “scherzando”. “I critici dicono ‘Duterte è matto‘. Sono degli idioti. Se io sono matto, il presidente dovreste farlo voi, non io. L’ho già detto prima e lo ripeto ora perché è la verità: se non c’è l’alcol a disposizione, soprattutto per i poveri, andate in una stazione di servizio e usate la benzina per disinfettare le mascherine”, ha dichiarato il presidente filippino citato dalla Bbc. “Non sto scherzando. Non sto scherzando – ha sottolineato -. Voi…voi state provando a entrare nel mio cervello. Prometto che, se Dio vuole, a dicembre torneremo alla normalità”, ha quindi aggiunto.

La vicenda che richiama il capo di Stato riguardava le reazioni dei suoi consiglieri in merito al consiglio fatto una settima prima. Già allora, infatti, Duterte aveva suggerito l’uso di disinfettanti industriali e del diesel per pulire i tessuti. Ma in quell’occasione il suo portavoce Harry Roque aveva detto al portale Rappler che Duterte stava scherzano, aggiungendo che “dopo quattro anni come presidente non posso credere di non conoscerlo ancora”. Duterte fu uno tra i primi presidenti a dover fare i conti con l’emergenza sanitaria. A febbraio, infatti, le Filippine divennero il primo Paese, dopo la Cina, a registrare decessi causati dal Covid-19. In quella occasione intervenne minimizzando la questione e affermando che il virus sarebbe comunque “morto di una morte naturale”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Catalogna: revocato l’obbligo di chiusura entro la mezzanotte per bar e ristoranti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, altri 1.525 contagi in Spagna e 870 in Germania. Gli Usa sfiorano le 4,5 milioni di infezioni. La commissione sulla pandemia: “In America è catastrofe sanitaria”. Messico terzo Paese per decessi

next