Il suo prezzo dovrebbe essere di 369 euro, ma al suo arrivo in Italia a maggio scorso era già scontato a 349, ora un nuovo sconto del 19% su Amazon ha portato il suo costo a 298,99 euro, ossia sotto la soglia psicologica dei 300 euro: parliamo dello Xiaomi Mi Note 10 Lite, il nuovo smartphone di fascia media dell’azienda cinese.

Come emerge chiaramente dalla scheda tecnica, Xiaomi Mi Note 10 Lite, come i fratelli maggiori, è caratterizzato da una buona dotazione generale, in cui brilla soprattutto l’ottimo comparto fotografico in cui spicca il sensore principale da 64 Mpixel.

Caratterizzato come tutti gli smartphone Xiaomi da un design curato, il Mi Note 10 Lite presenta un frontale dominato dall’ampio display AMOLED 3D Curved da 6,47 pollici di diagonale, con risoluzione Full HD+ (2340 x 1800 pixel), interrotto unicamente nella parte superiore da un discreto notch a goccia che ospita la fotocamera frontale da 16 Mpixel.

Sotto la scocca troviamo invece un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 730G, affiancato da 6 GB di RAM e da 64 GB di memoria interna, a seconda della configurazione. Molto curato come dicevamo anche il comparto fotografico posteriore. Accanto alla fotocamera primaria con sensore da 64 Mpixel infatti ne troviamo altri tre, un ultra grandangolare da 8 Mpixel, un macro da 5 Mpixel e un sensore da 2 Mpixel per la raccolta sui dati per la profondità di campo. Una batteria da 5260 mAh, con supporto alla ricarica ultra rapida da 30 W e il sistema operativo Android 10 con interfaccia proprietaria MIUI 11 ne completano la dotazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon Alexa, importanti novità in arrivo per l’assistente vocale sia su Android che su iOS

next
Articolo Successivo

Pagamenti contactless: dal 2021 niente PIN fino a 50 euro di spesa

next