Papillon è ancora in fuga. L’orso M49, evaso per la seconda volta dal suo recinto nel centro di custodia di Casteller, viene seguito grazie al radiocollare mentre si muove tra i boschi del Trentino. “Per questo motivo abbatterlo, ucciderlo, non ha alcun senso. Rilancio questo appello”, ha ribadito il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, parlando del caso a Omnibus su La7. Mentre proseguono le ricerche, continua quindi il confronto a distanza tra Costa e il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti. Il ministro tiene comunque a ribadire che il presidente trentino “mi ha escluso questo intento”, ovvero l’abbattimento. Il dibattito però è sulla possibilità di lasciare libero M49. L’opzione preferita da Costa, che sottolinea: “Non ha mai aggredito nessuno. Fa l’orso“.

L’animale è fuggito ormai due giorni fa dal Casteller, dove era stato ricondotto a seguito della sua cattura. Aveva iniziato a far parlare di sé nel giugno 2019, quando in Val Rendena aveva portato a termine una serie di incursioni nelle vicinanze di malghe. In tre mesi aveva effettuato 16 tentativi di intrusione in diverse località della provincia di Trento, fino a quando il 14 luglio 2019 non venne catturato e condotto al centro di Casteller. Una barriera di 4 metri e tre recinti tra i 7.000 e 9.000 volt non erano riusciti, però, a trattenerlo, e dopo qualche ora era fuggito, provocando una caccia all’orso in tutta la provincia. Il 30 aprile del 2020 M49 viene catturato di nuovo con la stessa trappola a tubo che l’aveva incastrato la prima volta, sempre in Val Rendena. Viene riportato nel recinto di Casteller, dove è rimasto fino al 27 luglio. Nel frattempo, le autorità hanno avuto il tempo di castrarlo chimicamente, per evitare problemi con la vicinanza dell’orsa DJ4 che è rinchiusa da anni nel recinto di Casteller.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 72 vittime ogni mese: torture, stupri ed esecuzioni, la rotta africana è “tra le più mortali al mondo”. “Libia non è luogo sicuro”

next
Articolo Successivo

“L’ascensore è rotto, guardate mio padre cosa è costretto a fare con la gamba ingessata”: la denuncia da un ospedale di Napoli

next