Zotac ha presentato Zbox Inspire Studio, il primo mini-PC della sua linea di fascia alta pensata per i creator di contenuti. La prima apparizione di questa linea di prodotti risale a gennaio scorso, durante il CES 2020 di Las Vegas, ma solo oggi il primo modello è finalmente disponibile all’acquisto.

L’azienda è riuscita a spremere il massimo delle prestazioni possibili in un design estremamente compatto, perfetto per quei professionisti che non vogliono ritrovarsi l’intera scrivania occupata da un PC assemblato in uno chassis di dimensioni esagerate, ma che al tempo stesso hanno bisogno di grande potenza di calcolo.

Il case di colore bianco dello Zotac Zbox Inspire SCF72060S misura solamente 203 x 225 x 128 mm. Nonostante questo però al suo interno trovano spazio un processore octa-core Intel i7-9700, affiancato da un singolo banco di RAM la cui capienza però è di ben 32 GB, con un secondo slot disponibile per raddoppiarne la capacità qualora fosse necessario, portandola a 64 GB.

Una scheda grafica dedicata Nvidia GeForce RTX 2060 Super e un’unità a stato solido da 512 GB abbinata a un hard disk SATA tradizionale con capienza di 2 TB e formato da 2,5 pollici, completano la dotazione hardware.

ZOTAC non si è risparmiata nemmeno per quanto riguarda la connettività: presenti infatti i moduli Wi-Fi 6 AX1650 e Bluetooth 5.0, due porte Ethernet Gigabit per le reti cablate, ben sei porte USB 3.1 di cui una Tipo-A e una Tipo-C nella parte frontale e le altre quattro nella parte posteriore. Nella parte frontale sono presenti anche i due jack riservati all’utilizzo di cuffie e microfono e non manca nemmeno un lettore di schede di memoria SD. A bordo troviamo ovviamente Windows 10 64 bit in versione Pro. Prezzi e disponibilità per l’Italia non sono stati ancora annunciati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Android e malware: ecco 19 app da disinstallare subito

next