L’appuntato scelto Giuseppe Falanga, 39 anni, uno dei Carabinieri della stazione Piacenza Levante in carcere con l’accusa di spaccio, tortura, falso e omissioni “ha risposto a tutte le domande” del Gip Luca Milani e respinge le accuse. “Ha chiarito gli addebiti in merito agli episodi che gli sono contestati”, hanno spiegato gli avvocati Daniele Mancini e Paolo Molaschi del Foro di Lodi che difendono il militare, all’uscita dal carcere di Piacenza. “Falanga si è professato estraneo a qualsiasi violenza o ipotesi di spaccio, ha un tenore di vita normalissimo”. Secondo le carte dell’inchiesta avrebbe partecipato ai quattro arresti ritenuti “illegittimi” dalla procura della Repubblica di Piacenza. Anche al fermo di Israel, nigeriano 24enne protagonista della foto-simbolo degli abusi che sarebbero stati commessi dai carabinieri della Levante in cui il 24enne, incensurato, era ammanettato a terra, scalzo, con una chiazza del suo sangue sull’asfalto. “Il nigeriano massacrato di botte? Lui ha negato che in sua presenza sia stato picchiato. Il sangue? È caduto da solo”, riferiscono gli avvocati all’uscita dal carcere delle Novate. E sulla foto ormai celebre che ritrae alcuni dei carabinieri arrestati mentre sfoggiano mazzette di banconote, il legale aggiunge: “Riguarda una vincita al ‘gratta e vinci’ fatta in un bar e non ha nessuna attinenza con le indagini, è del 2016”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, il sindaco di Lampedusa: “Lo stato d’emergenza lo dichiaro io”. Intanto a Pozzallo sbarca mercantile con 108 persone soccorse

next
Articolo Successivo

Salerno, obbligo di mascherine nei luoghi chiusi: prime multe da mille euro per tre cittadini

next