Operazione di polizia in Val di Susa, per rimuovere le barricate posizionate da esponenti No Tav lungo il sentiero Gallo-Romano, in prossimità dell’area de i ‘Mulini’ della Clarea, dove permane il presidio del movimento che si oppone alla Torino-Lione. Lo rende noto la Questura di Torino. Nel timore di essere sgomberati, una ventina di persone all’interno dei Mulini sono saliti sui tetti dei ruderi e sugli alberi. Tra questi – riferisce la Questura – ci sono tre noti esponenti del centro sociale torinese Askatasuna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, il Seveso esonda e i cittadini si lamentano: “Così da 30 anni”. L’assessore: “Piogge intense, ora accelerare la soluzione”

next
Articolo Successivo

Carabinieri arrestati a Piacenza, la mamma di Montella: “Parlano di Gomorra perché siamo napoletani. Lui e i colleghi? Dei bravi ragazzi”

next