Gli agenti federali hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti a Portland per reprimere le proteste che da giorni infuriano nella città dopo l’uccisione dell’afroamericano George Floyd. Tra la folla c’era anche il sindaco della città, il democratico Ted Wheeler, che è stato raggiunto dal gas mentre si trovava davanti al tribunale federale. Il sindaco ha tossito più volte e sembrava leggermente stordito mentre i manifestanti gli hanno dato un paio di occhiali e dell’acqua. Non è chiaro se gli agenti federali sapessero della sua presenza al corteo. Wheeler ha più volte condannato l’invio degli agenti federali nella città da parte dell’amministrazione Trump. “Voglio ringraziare le migliaia di voi che sono venute per opporsi all’occupazione dell’amministrazione Trump di questa città”, ha detto Wheeler a centinaia di persone riunite in centro vicino al tribunale federale, “qui a Portland siamo in prima linea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, dipendenti del consolato cinese di Houston danno fuoco a documenti: le immagini

next
Articolo Successivo

Nuda a pochi metri dalla polizia in tenuta antisommossa: la protesta a Portland di “Naked Athena”

next