Gli agenti federali hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti a Portland per reprimere le proteste che da giorni infuriano nella città dopo l’uccisione dell’afroamericano George Floyd. Tra la folla c’era anche il sindaco della città, il democratico Ted Wheeler, che è stato raggiunto dal gas mentre si trovava davanti al tribunale federale. Il sindaco ha tossito più volte e sembrava leggermente stordito mentre i manifestanti gli hanno dato un paio di occhiali e dell’acqua. Non è chiaro se gli agenti federali sapessero della sua presenza al corteo. Wheeler ha più volte condannato l’invio degli agenti federali nella città da parte dell’amministrazione Trump. “Voglio ringraziare le migliaia di voi che sono venute per opporsi all’occupazione dell’amministrazione Trump di questa città”, ha detto Wheeler a centinaia di persone riunite in centro vicino al tribunale federale, “qui a Portland siamo in prima linea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, dipendenti del consolato cinese di Houston danno fuoco a documenti: le immagini

next
Articolo Successivo

Nuda a pochi metri dalla polizia in tenuta antisommossa: la protesta a Portland di “Naked Athena”

next