Non si licenzia ma neppure si assume. E a farne le spese sono stati in questi mesi i lavoratori con contratti a termine che arrivano a scadenza e raramente vengono rinnovati. Che questo fosse il punto debole della barriera eretta dal governo a tutela dell’occupazione era facilmente intuibile. I numeri diffusi oggi dall’Inps danno però la misura del fenomeno: a fine aprile si contavano 499 mila posizioni lavorative a termine in meno rispetto allo stesso mese dell’anno prima. Impressionante l’accelerazione: – 29mila a febbraio, – 279mila a marzo. Crollo anche per gli stagionali: – 89 mila a marzo, – 169 mila ad aprile. Relativamente a tutte le tipologie contrattuali aprile si chiude con saldo negativo di 610 mila unità e un crollo delle assunzioni dell’83% sull’anno prima.

Nei primi 4 mesi dell’anno il blocco dei licenziamenti ha prodotto il dimezzamento (-47%) delle cessazioni di lavoro tra dipendenti con posto fisso. Nei primi 4 mesi dell’anno le nuove assunzioni sono state un milione in meno dell’anno prima. Penalizzati soprattutto i giovani in fase di ingresso nel mondo del lavoro. Le domande di disoccupazione presentate tra gennaio e maggio sono state quasi 745mila, in aumento del 16% sullo stesso periodo del 2019. Le ore autorizzate di cassa integrazione sono diminuite in giugno. Sono state 408,7 milioni, ossia il 52% in meno rispetto a maggio 2020, a testimonianza della graduale ripresa dell’attività produttiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’assistente di direzione, ovvero il biglietto da visita di un’azienda: le persone al centro!

next