“Oggi il ministro Speranza ha detto che siamo fuori dalla tempesta. Io l’ho detto circa 50 giorni fa. Sono contento che lo abbia detto anche lui. Evidentemente aveva delle zavorre che gli impedivano di dire quello che era evidente a tutti“. Sono le parole pronunciate a “In onda” (La7) dal prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Alberto Zangrillo, che aggiunge: “In questo momento mi aspetto che il Comitato Tecnico Scientifico dica agli italiani la verità, e cioè: uscite tranquillamente, riprendete a vivere, andate al ristorante, andate in banca, andate in vacanza. Se entrate in un luogo chiuso, mettete la mascherina, ma continuate a vivere più di prima, perché altrimenti la società non parte e alla fine tra due anni Conte, se c’è ancora, dovrà chiedere 800 miliardi di euro all’Europa“.

Incalzato da uno dei conduttori, David Parenzo, Zangrillo perde la pazienza a sbotta: “Sentite, signori, se voi pensate che io sia qui per mettermi contro qualcuno, avete sbagliato. Sono molto stanco. Io sin dall’inizio sono uno che cerca di dire quello che osserva. E inizio ad avere anche le palle piene. Se oggi in Lombardia abbiamo un solo morto dichiarato per covid, vuol dire che non sta succedendo nulla. Punto. Poi possiamo costruire tutte le favole che volete. Questa è la realtà italiana oggi”.

Monito del medico anche ai colleghi allarmisti: “In ospedale proprio coloro che di virus non sanno nulla, ovvero dermatologi, logopedisti, otorini, sono quelli che mettono la mascherina FFP3. Questa situazione è esattamente equivalente a quello che accade nella nostra società, dove le persone sono giustamente tramortite, spaventate, terrorizzate perché di fronte vedono buio e incertezza. Io sono una persona estremamente responsabile. Quando c’è da indossare la mascherina, sono il primo a metterla. Ma sono anche di buon senso. In questo momento agli italiani va detta la verità, ma non raccontando le solite palle della mascherina o dello ‘stiamo attenti’, perché altrimenti la società civile muore“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery Fund, Gualtieri su La7: “Conte è stato decisivo in Ue. Nel prossimo dl incentivi per assunzioni e decontribuzioni”

next
Articolo Successivo

Governo, Santanchè a La7: “Finora ha fatto solo marchette”. E sbotta con la conduttrice: “Lei mi interrompe sempre, la verità fa male”

next