Soldi sottratti alle donazioni di imprenditori e cittadini per aiutare gli ospedali durante le fasi più critiche dell’emergenza coronavirus, e usati per bonifici personali. Almeno 100mila euro sarebbero stati ‘distratti’ attraverso un sistema di fatture false dai 4 milioni raccolti grazie alla generosità dei cittadini di Cremona, una delle città più colpite dal Covid. Questa è l’ipotesi della Procura di Cremona, che sta indagando per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, all’autoriclaggio e all’appropriazione indebita, nei confronti di tre promotori della onlus ‘Uniti per la Provincia di Cremona’. Uno è il segretario, Renato Crotti, gli altri sono due imprenditori, Cristiano Bozzoli e Attilio Mazzetti, il primo titolare di un’impresa che vende caldaie, il secondo gestore di pub e discoteche. Coinvolto anche un sacerdote, titolare di una cooperativa: secondo gli inquirenti è emersa “la disponibilità a concordare false giustificazioni delle distrazioni di denaro”.

Dall’inchiesta della Guardia di Finanza, che ha perquisito la sede della onlus e le abitazioni dei tre indagati, risulta che i tre avrebbero prelevato soldi e li avrebbero utilizzati per scopi che nulla avevano a che fare con la beneficenza. La onlus avrebbe effettuato, si legge nel decreto di perquisizione, “alcuni bonifici a favore di Bozzoli” per 28mila euro, operazione definita “anomala” dai finanzieri. Si parla poi di “reciproci trasferimenti di denaro su conti esteri (Bulgaria, Gran Bretagna) tra Bozzoli e Mazzetti”.

Sentito dagli investigatori, Bozzoli si era giustificato esibendo la copia di una fattura che riportava come causale la ‘preparazione e consegna a domicilio di 750 pasti caldi’. Secondo la Procura, inoltre, pare “evidente” che il pagamento effettuato a suo beneficio dalla onlus “non corrisponda ad alcuna prestazione effettivamente resa da Mazzetti”. A questo punto, secondo la ricostruzione, sarebbe entrato in gioco il sacerdote: avrebbe simulato che sia stata la sua cooperativa a “beneficiare della somministrazioni di pasti caldi forniti da Bozzoli”.

La Guardia di Finanza avrebbe poi accertato “che risultano 4 fatture emesse da Mazzetti nei confronti della onlus tra maggio e giugno per un totale di 58.860 euro“. E il sospetto che anche solo un euro raccolto non sia arrivato a destinazione è un sospetto troppo grave che andrebbe a macchiare – dicono oggi tutti in città – un’operazione troppo bella e importante e capace di esprimere “il cuore grande dei cremonesi”. Fondi destinati agli ospedali di Cremona, Crema e Casalmaggiore e a tutte le realtà del territorio che si sono occupate e dedicate al sostegno e al supporto delle persone malate e in difficoltà in questi difficili mesi di emergenza sanitaria. Tutto ciò ha sconcertato la città del Torrazzo, che insieme a tutto il territorio ha raccolto in poche settimane 4 milioni di euro, frutto della generosità e della solidarietà della comunità cremonese. Buona parte del denaro è stato utilizzato per l’acquisto di ambulanze e dispositivi medici (mascherine, camici, calzari, guanti…).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Busto di Mussolini e motti fascisti nell’albergo gestito dal sindaco della Val Camonica. L’Anpi: “E’ ufficiale di governo, non faccia apologia”

next
Articolo Successivo

Mafia nigeriana, maxi-operazione tra la Sicilia e il Centro Italia. Nelle intercettazioni le riunioni segrete: botte e riti di affiliazione – Video

next