È morto il bambino che questo pomeriggio si è sentito male dopo un tuffo nella piscina comunale di Brescia. Secondo le prime ricostruzioni il piccolo si è sentito male dopo essere entrato in acqua ed è stato subito soccorso dai bagnini che hanno provato a rianimarlo. Inutile la corsa al pronto soccorso degli Spedali civili dove il bambino, 7 anni di origini straniere, è deceduto. La procura di Brescia ha aperto un’inchiesta per chiarire se la morte poteva essere evitata.

È tutto iniziato poco dopo le 16 nell’impianto di via Rodi. Il piccolo era con i genitori e il fratello più grande. Il bambino ha perso conoscenza: il personale addetto hanno tentato per mezz’ora di rianimarlo – come riporta Il Giornale di Brescia – con massaggio cardiaco, respirazione bocca a bocca e uso del defibrillatore. Sul posto gli uomini della polizia e il sostituto procuratore di turno Gianluca Grippo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, auto travolge uomo a cavallo: 63enne in gravi condizioni, morto l’animale

next