Si fa sentire in tutti i Paesi sviluppati l’impatto del coronavirus sul mercato del lavoro. E i più colpiti sono i giovani. Stando ai dati diffusi giovedì dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). Nel primo trimestre il tasso di occupazione è sceso al 68,6% dal 68,9% del precedente trimestre, segnando la prima flessione da inizio 2013. La partecipazione al mercato è scesa allo stesso passo per uomini e donne, rispettivamente al 76,1% e al 61,3%, mentre l’occupazione giovanile, nella fascia 15-24 anni, scende al 41,9% dal 42,3%.

Il numero di persone (di età compresa tra 20 e 64 anni) che erano assenti dal lavoro a causa di un licenziamento temporaneo nell’Unione europea, dove sono considerate occupate, è aumentato drasticamente a 2,3 milioni nel primo trimestre del 2020 (da 0,3 milioni nel quarto trimestre del 2019). Mentre negli Stati Uniti, dove sono considerati disoccupati, sono aumentati a 1,8 milioni nel marzo 2020 (dagli 0,8 milioni di dicembre 2019).

In Italia, l’occupazione è lievemente calata al 59,1% nel primo trimestre 2020, contro il 59,2% del trimestre precedente. Sempre nel nostro Paese, il tasso di occupazione di donne e uomini è sceso rispettivamente al 50% (contro il 50,2%) e al 68,2% contro il 68,3%. Quello dei giovani è sceso invece al 18,2% contro il 18,6% del trimestre precedente.

Dati più recenti per il secondo trimestre 2020 mostrano un calo molto più marcato del tasso di occupazione negli Stati Uniti, di quasi 9 punti percentuali, al 62,6%, con il numero di occupati (129 milioni) al livello più basso dal quarto trimestre del 1998. Analogamente, in Canada, il tasso di occupazione è sceso al 64,7% nel secondo trimestre (dal 73,2% nel primo trimestre). Il tasso di occupazione giovanile negli Stati Uniti è stato particolarmente colpito (in calo di oltre 12,0 punti percentuali, al 38,6%), rispetto ai lavoratori di età compresa tra 25 e 54 anni (fino al 71,5% dall’80,1%) e 55-64 (dal 63,5% al 57% ). Durante il secondo trimestre, il numero di persone in stato di licenziamento temporaneo negli Stati Uniti ha raggiunto i 18,1 milioni in aprile, prima di scendere a 10,6 milioni a giugno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caregiver e neomamme sono ancora penalizzati sul lavoro. Ma ora c’è chi fa scuola

next
Articolo Successivo

Bonus professionisti, il nodo delle risorse e dei requisiti. Casse previdenziali private in attesa del decreto interministeriale

next