L’emergenza Covid e le conseguenze del lockdown sul mondo del lavoro avranno “inevitabilmente una ricaduta” in termini di “tensioni sociali“. “E temo che queste tensioni” possano avere “degli sbocchi di piazza non sempre ragionevoli“. A lanciare l’allarme è il capo della polizia Franco Gabrielli, a margine dell’11esima edizione del premio Ammaturo che si è svolta a Napoli. “Passato il periodo estivo, tutta quella componente di società che faceva grande affidamento sul turismo uscirà veramente con situazioni disperate“, ha aggiunto, commentando le parole della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese sul rischio che a settembre ci sarà un “autunno caldo”.

A suo parere, quindi, disperazione e tensioni dovute al calo dell’occupazione potrebbero portare a proteste di piazza. Ma per affrontarle gli agenti devono mettere da parte gli “esercizi muscolari” e scegliere la strada “del dialogo“. Lamorgese, ha poi chiarito Gabrielli, “ha semplicemente ribadito concetti abbastanza ricorrenti, almeno nelle stanze del Viminale e delle forze di polizia”. Il coronavirus ha provocato “sconquassi dal punto di vista del mondo del lavoro, dell’imprenditoria, del mondo delle strutture ricettive”. Ed è inevitabile che ci siano delle conseguenze. Non a caso lo stesso capo delle forze dell’ordine raccomanda da tempo ai questori “di essere capaci di interpretare il disagio della gente“. Mai come in questo momento, ha concluso Gabrielli, “la gestione dell’ordine pubblico deve essere all’insegna del dialogo, della comprensione e dell’empatia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Cerciello Rega, al processo l’audio della telefonata ai soccorsi del collega Varriale: “Subito un’ambulanza, perde molto sangue”

next
Articolo Successivo

Coronavirus: 162 nuovi contagi, altri 13 morti. In Lombardia meno del 40% dei casi di oggi

next