“Il Sure e il Mes sono disponibili subito, questo deve essere chiaro ai cittadini, mentre gli altri fondi, come il new generation fund, arriveranno a fine 2022, o addirittura nel 2023″. Lo ha detto Emma Bonino, nel corso di una conferenza stampa presso la sala Nassirya di Palazzo Madama, illustrando le risoluzioni a favore del Mes che Più Europa presenta al Senato e alla Camera. “Il governo ha la responsabilità di guidare le politiche del paese, bisogna uscire dalla paralisi, ma il paese reale” va verso “una crisi sociale a settembre-ottobre, di cui non sembra siano tutti consapevoli”. A sostegno della risoluzione di + Europa, anche Matteo Richetti e il senatore ex M5s Gregorio De Falco, oggi nel gruppo misto.”I titoli di Stato costano, con il Mes c’è una differenza di 5 miliardi in dieci anni, è illogico spendere di più – ha detto De Falco nel corso della conferenza stampa – il Mes è senza condizioni e senza interessi. Credo – ha spiegato ancora – che alla fine Conte sta cercando il consenso del M5S per arrivare a chiedere il Mes, ma è necessario che il premier sia vincolato da un atto di indirizzo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enrico Letta: “Io sindaco di Roma? Non sono romano e faccio altre cose”. Su Recovery Fund: “Italia ha disperato bisogno che si chiuda subito”

next