Le prime tre banche statunitensi si preparano all’impatto della tempesta Covid che colpirà appieno il mondo del credito con un certo ritardo rispetto all’economia reale. Con fabbriche che chiudono o lavorano meno e un numero più alto di disoccupati aumentano i rischi di mancati pagamenti di rate e rimborsi di mutui e prestiti. Nel secondo trimestre dell’anno i principali gruppi hanno così messo da parte denaro per far fronte alle probabili future perdite. Hanno inoltre attuato scelte prudenziali sui dividendi da pagare agli azionisti, ridotti. Si gioca in difesa insomma.

Più nel dettaglio JP Morgan ha chiuso il trimestre aprile – giugno con un calo dei profitti del 51% rispetto all’anno prima, l’utile sfiora comunque i 4,7 miliardi di dollari ed è superiore alle attese degli analisti. I ricavi sono invece saliti del 15% a 33 miliardi. I guadagni scendono perché la banca ha deciso di mettere in cascina 10,4 miliardi di dollari per far fronte alle difficoltà dei mesi a venire. La banca segnala infatti “l’alto livello di incertezza” per i mesi a venire nonostante dagli indicatori economici inizino ad arrivare anche segnali positivi.

Più consistente (- 73%) la flessione dei profitti di Citigroup che si sono fermati a 1,3 miliardi di dollari. SI tratta del livello di utili più basso degli ultimi sei anni. Il peggioramento dei dati è dovuto ai quasi 8 miliardi tra svalutazioni e accantonati in vista degli effetti della crisi. I ricavi sono comunque in aumento a 19,8 miliardi.

Wells Fargo registra invece una perdita per la prima volta dal terribile 2008. La banca chiude il secondo trimestre con un rosso di 2,4 miliardi, peggio delle attese degli analisti. Gli accantonamenti per perdite sui crediti sono risultati pari a 9,5 miliardi di dollari. LA banca ha deciso il taglio del dividendo da 55 a 10 centesimi per azione. La banca ha annunciato nei giorni scorsi un piano di licenziamenti che potrebbe coinvolgere migliaia di dipendenti.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fitch conferma il rating dell’Italia: BBB- con outlook stabile. “Debito elevato e debole crescita strutturale continueranno a pesare”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, ‘idea di una riconversione green totale puntando anche sull’idrogeno’. Fiom e Uilm: ‘Basta annunci disinvolti, governo ci convochi’

next