La stagione di Formula 1 2021-22 sarà anche quella che segnerà il ritorno in pista di Fernando Alonso. A tre anni di distanza dall’addio al Circus, l’ex ferrarista siederà di nuovo alla guida di una delle scuderie che più di tutte hanno segnato la sua carriera, quella con la quale ha vinto due titoli mondiali: la Renault. Ad annunciarlo è stato il team francese sul proprio profilo Twitter: “Dato il forte legame storico ed emotivo tra la squadra e il pilota spagnolo, questa decisione è sia audace che significativa per il futuro”, si legge. Anche il pilota ha commentato il proprio ritorno: “La Renault è la mia famiglia“.

Il 38enne spagnolo farà quindi coppia con Esteban Ocon a bordo della monoposto che già fu sua dal 2003 al 2006 e dal 2008 al 2009, prima dei quattro anni alla guida della rossa di Maranello. Poi, dopo le ultime stagioni in McLaren, nel 2018 il passaggio in Endurance, a bordo della Toyota, con la quale ha anche partecipato a un’edizione della Dakar.

Ma con 314 Gran Premi disputati, 32 vittorie e 97 podi, è la Formula 1 ad aver segnato più di qualsiasi altro campionato la carriera del pilota spagnolo. “La firma di Fernando Alonso fa parte del piano del Gruppo Renault di continuare il suo impegno in F1 e di tornare ai vertici. La sua presenza nel nostro team è una risorsa formidabile a livello sportivo, ma anche per il marchio a cui è molto legato. La sua esperienza e determinazione ci consentiranno di ottenere il meglio l’uno dall’altro per portare il team verso l’eccellenza richiesta dalla moderna Formula 1. Insieme a Esteban Ocon, la sua missione sarà di aiutare il Team Renault DP World F1 a prepararsi per la stagione 2022 nelle migliori condizioni possibili”, ha dichiarato Cyril Abiteboul, amministratore delegato di Renault Sport Racing.

E anche il pilota si è lasciato andare a dichiarazioni d’amore nei confronti della scuderia francese: “La Renault è la mia famiglia, i miei ricordi più cari in Formula 1, con i miei due titoli Mondiali, ma ora guardo al futuro – ha scritto in un comunicato – È una grande fonte di orgoglio e un’immensa emozione tornare nella squadra che mi ha dato la possibilità all’inizio della mia carriera e che ora mi dà l’opportunità di tornare ai massimi livelli. Ho principi e ambizioni in linea con il progetto del team. I loro progressi di questo inverno danno credibilità agli obiettivi per la stagione 2022 e condividerò tutta la mia esperienza di corsa con tutti, dagli ingegneri ai meccanici e ai miei compagni di squadra. La squadra vuole e ha i mezzi per tornare sul podio, così come ce li ho io”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1, Gp Austria: Leclerc c’è, il motore Ferrari no. E Vettel è imbarazzante

next
Articolo Successivo

F1, qualifiche in Austria: pole bagnata di Hamilton, poi Verstappen. La Ferrari affonda

next