“Per aver avere le autorizzazioni di tutti gli enti preposti a un progetto l’Anas impiega 5 anni di media”. Inizia così la relazione introduttiva del Presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili, Gabriele Buia, all’indomani dell’approvazione del ‘Decreto Semplificazioni’ durante il convegno web “Il coraggio di semplificare”. Per Buia “le opere per le lo più sono bloccate per le procedure a monte dell’assegnazione degli appalti e purtroppo – spiega – non vedo in questo decreto una presa di posizione concreta per snellire quelle procedure”. “È corretto dire che l’attenzione non deve essere solo sull’affidamento – replica il Segretario generale della Presidenza del Consiglio, Roberto Chieppa – ed infatti nel decreto semplificazioni s’interviene anche sui tempi della V.I.A. (la valutazione impatto ambientale, ndr) che sta a monte della procedura – e concorda sullo snellimento delle procedure richieste da ANCE – che non comportino rischi sotto il profilo della corruzione, ma anzi siano un antidoto perché essa si annida dove le regole sono complesse”.

Ance plaude all’iniziativa del governo sull’attenuazione dell’abuso d’ufficio e sul danno erariale, ma poi manifesta insoddisfazione: “C’è un grande assente in questo Decreto Semplificazioni: le città, le tematiche relative alla rigenerazione urbana”. “Con lo strumento della decretazione d’urgenza tutto non si poteva fare, anche per limiti tecnici – replica Chieppa – auspico che questo decreto che non risolve tutti i problemi del Paese, possa contribuire a un cambio anche culturale nella burocrazia italiana”. Il segretario di Palazzo Chigi, poi, sottolinea il cambio di passo nel campo della digitalizzazione. Secondo il vicepresidente dell’Ance, Edoardo Bianchi, però ci saranno difficoltà nel “digitalizzare il sistema Paese”, la cui efficienza “non è certa in questa prima fase”, visto che “l’età media 50,7 anni, con il 16,9% che ha più di 60 anni e solo il 3% di essa ha meno di trent’anni. Se noi non investiamo su una Pubblica amministrazione più giovane, più fresca utilizzare gli strumenti della digitalizzazione risolveremo soltanto metà del problema. i problemi”. Per Buia “la politica deve essere più coraggiosa”. La vera causa del rallentamento, però, conclude l’Ance “non è la burocrazia”, “ma il legislatore, chi siede al parlamento”. “Le semplificazione – conclude Chieppa – potranno essere un tassello molto importante che non si può esaurire in un decreto legge ma richiede un’attività continua da svolgere al livello amministrativo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morandi, Salvini contro il M5s: “Su Autostrade due anni di bugie”. Crimi: “Fu lui a impedire la revoca”. Di Maio: “Rispettare le promesse”

next
Articolo Successivo

Governo, Prodi: “Lentezza nelle decisioni, ma col Covid abbiamo salvato l’Europa. Voti di Forza Italia sul Mes? Non è più un tabù”

next