In Italia la situazione epidemiologica “è complessivamente positiva” ma rimangono ancora “piccoli segnali di allerta relativi alla trasmissione”. Così il report settimanale del monitoraggio del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità descrive la situazione sanitaria relativa alla seconda metà di giugno. E avvertono: al momento i dati “confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione” e insistere con la strategia di tracciamento e isolamento dei casi, per “realizzare la ricerca attiva ed accertamento diagnostico di potenziali casi, l’isolamento dei casi confermati, la quarantena dei loro contatti stretti”.

L’analisi si riferisce ai dati raccolti nel periodo tra il 22 e il 28 giugno, successivo alla terza fase di riapertura. Nel rapporto di sottolinea che, sebbene il lockdown in Italia abbia permesso un controllo efficace dell’epidemia, persiste” una trasmissione diffusa del virus” che può far scoppiare focolai anche di dimensioni rilevanti. Da qui il richiamo a mantenere “alta l’attenzione“. Sono tre le Regioni italiane dove, nella settimana presa in esame, si è registrato un Rt superiore a 1: Lazio (1.04), Veneto (1.12) ed Emilia Romagna (1.28). Al di sotto della soglia di guardia la Lombardia (quota 0,89) mentre la Valle d’Aosta invece vanta un Rt pari a 0.

Nell’ultima settimana i casi totali nel nostro Paese sono leggermente diminuiti ma “continua la circolazione virale – spiega Gianni Rezza direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute – tanto è vero che gli Rt tendono ad aumentare o a diminuire a seconda di dove si formano i focolai. E in alcune Regioni in numero dei focolai è ancora abbastanza rilevante“. Secondo Rezza quindi è necessario continuare ad avere comportamenti prudenti: mascherine nei luoghi pubblici e distanziamento sociale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, assessore Sanità Lazio: “Mettere in quarantena i bangladesi che arrivano a Fiumicino o rischiamo epidemia di ritorno”

next