“È incredibile quanto bene possa fare una piccola maschera!”. Con questo slogan è stata lanciata sui social una simulazione del laboratorio di microbiologia clinica del Providence Sacred Heart Medical Center di Spokane, negli Stati Uniti. Un esperimento video che in poco tempo ha fatto il giro del mondo e che dimostra come i virus, come il Covid-19, possano trasmettersi facilmente con il droplet, cioè le goccioline che normalmente emettiamo parlando, tossendo e starnutendo, e di come mascherina e distanziamento sociale siano fondamentali per evitare che queste arrivino a qualcun altro. Richard Davis, il ricercatore che ha dato vita all’esperimento, in una prima dimostrazione ha raccolto il droplet e ha poi osservato come si moltiplicano in 24 ore i batteri sulle piastre di coltura: il risultato con e senza mascherina chirurgica è incredibile. Nella seconda dimostrazione, invece, si è concentrato sulla distanza, anch’essa fondamentale. Ecco il video-esperimento.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lo studio: “Sintomi neurologici in tre pazienti su quattro. In quelli gravi riscontrate alterazioni da monitorare”

next
Articolo Successivo

Tumore all’utero, “anticorpo combinato alla chemio raddoppia sopravvivenza”. Il professor Santin da Yale: “Spero sia usato ovunque”

next