Tre anni di carcere per “incitazione all’immoralità e alla dissolutezza”. È questa la condanna inflitta da un tribunale del Cairo alla danzatrice del ventre Sama El Masry, che dovrà anche pagare una multa di 16mila euro e avrà 3 anni di sorveglianza da parte della polizia. L’accusa – ricorda l’agenzia Mena – era di aver pubblicato foto e video sui social network, in contrasto con i “valori morali” egiziani. L’arresto era avvenuto il 23 aprile e la detenzione della 42enne era stata prolungata diverse volte, col protrarsi dell’inchiesta. La danzatrice, che presenterà appello, si era difesa dicendo che le immagini era state riprese dal suo cellulare, rubato nel 2019, e pubblicate a sua insaputa.

Durante il governo dei Fratelli Musulmani e del presidente Mohamed Morsi, durato circa un anno, El Masry aveva pubblicato video satirici: ha accusato proprio esponenti del movimento filo-islamico di averla denunciata. “C’è una gran differenza tra libertà e dissolutezza”, ha dichiarato, citato dal quotidiano Al Ahram John Talaat, un parlamentare che ha chiesto la condanna di El Masry, aggiungendo che lei ed altre influencer sui social media stanno “distruggendo i valori della famiglia e le tradizioni, un’attività vietata dalla legge e dalla costituzione”.

Molte donne sono state accusate di incitazione all’immoralità: tra loro l’attrice Rania Youssef, sommersa di critiche per il vestito che indossava al Cairo Film Festival del 2018. In quello stesso anno l’Egitto si è dotato di una legge che dà al governo l’autorità di censurare contenuti su internet e sorvegliare le comunicazioni elettroniche. Diverse anche le influencer su Tik Tok e Instagram, nonché youtubers, arrestate con le stesse accuse. Per Entessar el-Saeed, avvocato per i diritti delle donne e direttrice del Cairo Centre for Development and Law, le donne sono le uniche contro cui viene usata questa legge: “La nostra società conservatrice fa fatica ad accettare i cambiamenti della tecnologia, che hanno un ambiente e una mentalità completamente differenti”, spiega citata da Al Ahram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pride 2020, a Napoli il flash mob in piazza: “Persone più fragili colpite maggiormente dalla crisi. La battaglia sui diritti va rilanciata”

next
Articolo Successivo

Lavoro, “l’Italia non ha adottato misure per promuovere il diritto alle pari opportunità delle donne”

next