“La presidente del Senato non c’entra nulla con la decisione della Commissione Contenziosa che è un vero e proprio tribunale, non sarebbe corretto né dal punto di vista etico né dal punto di vista giuridico”. Cosi la presidente del Senato Elisabetta Casellati oggi a Padova per una visita alla Fondazione Biomedica Vimm, ha risposto ad una domanda sulla sentenza che ha annullato il taglio dei vitalizi. “Pochi mesi fa – aggiunge la seconda carica dello Stato – c’è stata una forte polemica ancora su alcuni componenti e, proprio in nome della trasparenza, ho sollecitato, e posso fare soltanto questo, il cambiamento di alcuni membri, cosa che è avvenuta puntualmente. Quindi a me dispiace molto che questa decisione sia intervenuta in un momento così difficile per gli italiani, ma comunque la sentenza è appellabile”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, per la campagna elettorale dell’assessore Gallera anche i finanziamenti dei rappresentanti della sanità privata

next
Articolo Successivo

Cari lombardi, basta amnesie: la memoria storica ci aiuti a non scordare tutto questo

next