Nel tentativo di mantenere elevata la propria competitività nei confronti di soluzioni come WhatsApp, la popolare app di instant messaging Telegram ha introdotto le videochiamate sulla versione beta dell’app per iOS. Al momento non ci sono informazioni per quanto riguarda la versione Android, ma siamo certi che sia solo questione di tempo prima che la stessa funzione sbarchi anche sul sistema operativo del robottino verde.

Le videochiamate dovrebbero debuttare sulla versione stabile nel corso del 2020, ma nel frattempo chi possiede la versione beta 6.3 per i dispositivi iOS può usufruire già della nuova funzione avanzata, vediamo assieme come.

Anzitutto, è indispensabile essere iscritti al programma TestFlight (è possibile richiedere l’adesione a questo link), tramite cui è possibile testare la versione beta delle app sui dispositivi Apple. Dopodiché, bisogna scaricare l’ultima versione beta dell’app (6.3). A questo punto, è necessario cliccare 10 volte sulla voce “Impostazioni” per poi attivare “Experimental features”. Una volta eseguiti questi passaggi, è possibile testare le videochiamate.

Cliccando sul contatto che ci interessa, e che a sua volta dovrà ovviamente avere la stessa versione beta installata, apparirà infatti l’opzione “Video Call”. Come potete vedere dalle immagini presenti all’interno di questo articolo, l’interfaccia è delle più classiche e basilari con tre pulsanti visibili nel momento in cui parte la videochiamata: opzione per disattivare/attivare il microfono, pulsante per chiudere la chiamata e opzione per utilizzare la fotocamera anteriore o posteriore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Microsoft Edge, il web browser importa i dati da Firefox e Chrome senza autorizzazione?

next
Articolo Successivo

Cybersicurezza, il problema non è ‘se’ violeranno i nostri dati personali. Ma ‘quando’

next