Dopo aver introdotto lo smartphone X3 SuperZoom il mese scorso, il produttore cinese Realme, spin off di Oppo, ha annunciato oggi la versione base, Realme X3, un modello di fascia alta che, come suggerisce il nome, manca del modulo periscopico presente sul SuperZoom, sostituito da una normale fotocamera con sensore da 12 Mpixel abbinato a un teleobiettivo.

Un altro elemento che differenzia il nuovo arrivato dal modello più avanzato riguarda sempre il reparto fotocamere frontali che, nel caso del Realme X3 comprende una fotocamera principale da 16 Mpixel e un ultragrandangolare da 8 Mpixel. Ad esclusione di queste differenze e di quelle riguardanti i tagli di memoria interna dedicate allo storage il nuovo X3 è però identico all’X3 SuperZoom.

Troviamo così un display LCD di tipo IPS da 6,6 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), con una frequenza di aggiornamento di 120 Hz. Il sensore per le impronte digitali è sistemato sul lato destro, mentre sul retro troviamo una fotocamera principale da 64 Mpixel, un ultra grandangolare da 8 Mpixel, un teleobiettivo da 12 Mpixel e un quarto modulo aggiuntivo da 2 Mpixel per i dati sulla profondità di campo.

Cuore dello smartphone è il Qualcomm Snapdragon 855+, affiancato da 6 o 8 GB di RAM e da 128 GB di spazio di archiviazione, mentre la batteria ha un valore da 4200 mAh con supporto alla ricarica veloce da 30 W. La commercializzazione partirà dall’India, dove il modello base da 6/128 sarà venduto a un prezzo al cambio pari a circa 295 euro, mentre quello da 8/128 costa circa 306 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spotify Free, sugli smart speaker Amazon Echo arriva lo streaming musicale gratuito (con pubblicità)

next
Articolo Successivo

Razer, parla il Global Esport Director: “Gli esports sono la nostra sfida mondiale, vogliamo portarli alle Olimpiadi”

next