Senza di noi la città si ferma, vogliamo diritti e un contratto”. È questo il grido delle centinaia di rider che hanno percorso le strade del centro di Milano. Una protesta nata dopo il divieto di far salire le bici sui treni dell’azienda Trenord, ma che negli scorsi giorni è cresciuta diventando una battaglia non solo per “le biciclette sul treno”, ma anche per denunciare le condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i rider. “Durante la pandemia ci consideravano degli eroi, ma adesso ci hanno lasciati soli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, 200 rider sfilano per la città per chiedere maggiori diritti: le immagini del corteo sulle bici

next
Articolo Successivo

Bonus maggio, domande al via. Ecco come fare richiesta e quali categorie ne hanno diritto

next