Senza di noi la città si ferma, vogliamo diritti e un contratto”. È questo il grido delle centinaia di rider che hanno percorso le strade del centro di Milano. Una protesta nata dopo il divieto di far salire le bici sui treni dell’azienda Trenord, ma che negli scorsi giorni è cresciuta diventando una battaglia non solo per “le biciclette sul treno”, ma anche per denunciare le condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i rider. “Durante la pandemia ci consideravano degli eroi, ma adesso ci hanno lasciati soli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, 200 rider sfilano per la città per chiedere maggiori diritti: le immagini del corteo sulle bici

next
Articolo Successivo

Bonus maggio, domande al via. Ecco come fare richiesta e quali categorie ne hanno diritto

next