La vicenda di Massimo Carminati “potrei leggerla in termini prettamente giuridici, e dire che ci sono stati dei termini, ma l’importante è come la leggono i cittadini. Il sistema è farraginoso e occorre una riforma, perché i cittadini non lo capiranno questo fatto. Che un personaggio ritenuto pericoloso venga scarcerato per motivi di forma è incomprensibile per i cittadini“. Così Sebastiano Ardita, magistrato e consigliere del Csm, ospite di 24 Mattino su Radio 24, sulla vicenda che ha portato alla scarcerazione dell’ex esponente dei Nuclei armati rivoluzionari. “Ci sono responsabilità è ovvio – ha commentato Ardita, riferendosi ai giudici della Cassazione – abbiamo una sezione disciplinare molto rigorosa che si occupa anche di queste cose. L’errore umano va punito senza sconti, ma va tenuto in considerazione l’errore di sistema, perché noi abbiamo un sistema sfilacciato”.

Audio Radio 24

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, il Csm assolve il pm John Woodcock: “Virgolettati sull’inchiesta pubblicati da un quotidiano? Fatto di scarsa rilevanza”

next
Articolo Successivo

Bari, arrestati due carabinieri: “Pagati per pilotare le indagini sul clan Di Cosola”

next