La vicenda di Massimo Carminati “potrei leggerla in termini prettamente giuridici, e dire che ci sono stati dei termini, ma l’importante è come la leggono i cittadini. Il sistema è farraginoso e occorre una riforma, perché i cittadini non lo capiranno questo fatto. Che un personaggio ritenuto pericoloso venga scarcerato per motivi di forma è incomprensibile per i cittadini“. Così Sebastiano Ardita, magistrato e consigliere del Csm, ospite di 24 Mattino su Radio 24, sulla vicenda che ha portato alla scarcerazione dell’ex esponente dei Nuclei armati rivoluzionari. “Ci sono responsabilità è ovvio – ha commentato Ardita, riferendosi ai giudici della Cassazione – abbiamo una sezione disciplinare molto rigorosa che si occupa anche di queste cose. L’errore umano va punito senza sconti, ma va tenuto in considerazione l’errore di sistema, perché noi abbiamo un sistema sfilacciato”.

Audio Radio 24

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, il Csm assolve il pm John Woodcock: “Virgolettati sull’inchiesta pubblicati da un quotidiano? Fatto di scarsa rilevanza”

next
Articolo Successivo

Bari, arrestati due carabinieri: “Pagati per pilotare le indagini sul clan Di Cosola”

next