Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Silvia Grasso

I salotti televisivi di Barbara D’Urso, ormai è noto, non mancano mai della rappresentazione dell’orrore. A suon di “siamo una testata giornalistica”, fanno un servizio pubblico patinato tra mezze verità e informazioni sapientemente pilotate (e alcuni potrebbero osservare che, in questo, non si differenziano poi da altre tv o testate giornalistiche), ma la verità potrebbe essere contenuta in una battuta del film Cado dalle Nubi di Checco Zalone – mi perdonerete, considerando il tema, la citazione colta – “Funziona perché è tremendamente mediocre”. E mediocri, ammettiamolo, sono spesso i contenuti proposti soprattutto perché hanno (tutti) la pretesa di denunciare ingiustizie e criticità della nostra società con una mancanza imbarazzante di approfondimento e preparazione politica.

Ma il problema non è nemmeno Barbara D’urso che è una stacanovista invidiabile ed è senza dubbio una professionista nel suo lavoro. Il problema è quando si supera la linea sottile della satira e intrattenimento, dello spettacolo e delle dinamiche televisive, delle narrazioni di storie, delle interviste e sorprese costruite a tavolino. Il problema è quando ci si allontana dalla recente pena d’amore di Albano&Romina o l’ultima follia di Morgan, e si invita Matteo Salvini a fare campagna elettorale in uno spazio chiamato “Uno contro tutti”: lui da un lato, i tutti dall’altro. Chi sono i tutti?

Che Matteo Salvini sia bravissimo a fare monologhi e che mal tolleri un vero e proprio contraddittorio e confronto politico è cosa nota (e anche comune ormai ad altre figure politiche italiane). Questo ha anche molto a che fare con quella preparazione culturale che nel nostro paese scarseggia ampiamente: del resto, per fronteggiare un contraddittorio bisogna esserne capaci.

Ma che adesso lo faccia davanti a una simpatica Orietta Berti o a un Riccardo Fogli e Fausto Leali che rivendicano il diritto di tornare a cantare e suonare (e ce lo auguriamo tutti perché è evidente che la loro attitudine principale non sia parlare, tanto meno di politica) è un dato considerevole che ci indica la deriva pericolosa verso cui, ormai, ci siamo diretti. E mentre Elenoire Casalegno suggeriva all’ex ministro di parlare con i giovani ventenni lontani dalla (sua) politica e lui rispondeva che ci parla su Tik Tok (qualcuno dica a Matteo Salvini che i ventenni non usano Tik Tok), Costantino della Gherardesca cercava di limitare i danni portando il dibattito sui contenuti reali, per quanto possibile per lo spazio concesso.

La verità è, cara Elenoire, che i ventenni sono interessati eccome alla politica ma non a quel tipo di politica. E questo è certamente un merito delle nuove generazioni, non certo una colpa.

Insomma, nell’ultima puntata andata in onda domenica sera, abbiamo assistito ad uno spettacolo che non si può definire soltanto mediocre; di più: diseducativo, intollerabile. Nel suo essere anormale è, in realtà, un consueto spaccato televisivo a cui ormai ci siamo assuefatti. Ma tra mediocrità e orrore, una frase pronunciata dalla conduttrice mi è suonata particolarmente sgradevole: “L’ondata antirazzista di questi giorni è too much”. Non perderò tempo a ricordare i gravissimi fatti accaduti in queste settimane, ma mi limito a osservare che no, cara Barbara D’urso, l’ondata antirazzista non sarà mai too much. Non lo sarà nemmeno l’ondata antifascista e anti-omofoba. Non sarà mai troppo perché in gioco ci sono le vite delle persone, la dignità, i diritti umani imprescindibili, il nostro futuro e la storia. Si può discutere sulle modalità – nelle sedi adeguate – ma ripetiamolo ancora una volta: l’antirazzismo non sarà mai troppo.

È una frase pericolosamente brutta persino all’interno di un contenitore di intrattenimento, tra soubrette e saltimbanchi.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Gazzetta del Mezzogiorno, dichiarato il fallimento dell’editrice. Ma ok all’esercizio provvisorio: quotidiano ancora nelle edicole

next
Articolo Successivo

Sole 24 Ore, chiesta la cig per Covid con taglio degli stipendi del 25%. Redazione in sciopero nel giorno di Bonomi agli Stati generali

next