Un caccia F15 Eagle dell’aeronautica militare degli Stati Uniti si è schiantato con il pilota a bordo nel mare del Nord durante “una normale operazione di ricognizione”. Lo ha comunicato l’esercito americano, sottolineando che le cause dello schianto e le condizioni del pilota sono ancora sconosciute.

Il velivolo apparteneva al 48esimo di stormo di stanza nella base di Lakenheath, nel Suffolk, la più grande base statunitense in Gran Bretagna che ospita oltre 4.500 uomini, da dove era decollato. La guardia Costiera, riporta il Guardian, ha detto di aver ricevuto notizie di un aereo che precipitava in mare a circa 74 miglia nautiche (137 chilometri) al largo di Flamborough Head, sulla costa dello Yorkshire, verso le 9.40 di mattina (ore locali). Diverse squadre di soccorritori sono state dispiegate nella zona alla ricerca del pilota.

In passato altri due incidenti aerei sono avvenuti vicino alla base di Lakenheath, ricorda il Guardian. Nell’ottobre 2014, un caccia F15D si è schiantato nei campi vicino a Spalding nel Lincolnshire. In quel caso il pilota fu espulso in sicurezza, subendo solo lievi ferite. Nel secondo incidente, che risale precisamente a un anno dopo, nell’ottobre 2015, il pilota statunitense Maj Taj Sareen morì dopo che il suo jet si schiantò su un terreno agricolo vicino alla base.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra, estremisti di destra aggrediscono ragazzi che fanno picnic ad Hyde Park con calci e sputi e li costringono a scappare: le immagini

next
Articolo Successivo

Usa, Corte Suprema: “Illegale licenziare una persona a causa del suo orientamento sessuale”

next