Gli operai della Whirlpool Napoli sono stati ricevuti giovedì 11 giugno dal prefetto Marco Valentini, al quale hanno esposto la loro vertenza e consegnato le quasi 50mila firme raccolte con la petizione su change.org per salvare la fabbrica di Napoli est. Gli operai si sono ritrovati in presidio in Piazza del Plebiscito per richiamare, ancora una volta, l’attenzione sulla propria vertenza lavorativa. L’unica certezza, al momento, è che alla fine di ottobre, se le cose dovessero rimanere così, la fabbrica chiuderà i cancelli e loro, circa 400 persone, resteranno senza lavoro. “Il prefetto – fanno sapere gli operai – ha a cuore il problema e sa quanto sia importante salvaguardare il lavoro al Sud sia per cadute economiche nell’area cittadina sia per problematiche sociali perché il lavoro è presidio di legalità contro la criminalità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili