È stato ferito a morte dalle coltellate inferte da un uomo di 22 anni, poi ucciso dalla polizia, nel tentativo di difendere i bambini. Il vicedirettore di una scuola elementare a Vrutky, nella regione di Martin, nel nord ovest della Slovacchia è la vittima dell’aggressione avvenuta questa mattina ad opera di un giovane, che ha attaccato una classe di bimbi con un coltello. Due bambini e due adulti sono rimasti feriti, e sono stati trasportati nell’ospedale di Martin. Secondo un testimone, l’aggressore era un uomo che forniva i rinfreschi e gli spuntini per il distributore automatico della scuola, nonché ex allievo. “Nessuno era venuto ad aprirgli, quindi ha abbattuto la porta ed ha cominciato a pugnalare con il coltello“, ha detto una testimone. Al momento non sono chiari i motivi del gesto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, da St. Paul a Torino: continuano gli abbattimenti e gli imbrattamenti delle statue dei “razzisti”

next
Articolo Successivo

Floyd, esce dal carcere uno dei quattro agenti arrestati: pagata cauzione da 750mila dollari

next