È stato ferito a morte dalle coltellate inferte da un uomo di 22 anni, poi ucciso dalla polizia, nel tentativo di difendere i bambini. Il vicedirettore di una scuola elementare a Vrutky, nella regione di Martin, nel nord ovest della Slovacchia è la vittima dell’aggressione avvenuta questa mattina ad opera di un giovane, che ha attaccato una classe di bimbi con un coltello. Due bambini e due adulti sono rimasti feriti, e sono stati trasportati nell’ospedale di Martin. Secondo un testimone, l’aggressore era un uomo che forniva i rinfreschi e gli spuntini per il distributore automatico della scuola, nonché ex allievo. “Nessuno era venuto ad aprirgli, quindi ha abbattuto la porta ed ha cominciato a pugnalare con il coltello“, ha detto una testimone. Al momento non sono chiari i motivi del gesto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, da St. Paul a Torino: continuano gli abbattimenti e gli imbrattamenti delle statue dei “razzisti”

next
Articolo Successivo

Floyd, esce dal carcere uno dei quattro agenti arrestati: pagata cauzione da 750mila dollari

next