Ha presentato il bilancio 2019 di Rousseau, la piattaforma che è il “motore operativo” e il “cuore pulsante” del Movimento 5 stelle, ma ha parlato anche della data del voto online per la scelta del nuovo capo politico (dalle dimissioni di Luigi Di Maio il reggente è Vito Crimi), che sarà definita “probabilmente a breve dai probiviri o dal comitato di garanzia o dal garante” Beppe Grillo, come da statuto. Davide Casaleggio ha presentato i dati – con i due soci, Pietro Dettori ed Enrica Sabatini, che è anche facilitatrice nazionale e coordinatrice del Team del Futuro – e, rispondendo a una domanda, è intervenuto sul nodo dei due mandati, tra i precetti fondativi del M5s e che non consente di ricandidare per una terza volta chi ha già ricoperto incarichi politici tanto a livello locale quanto nazionale. “Noi, dal lato Rousseau – ha detto – gestiamo tutti i processi. Per cui, nel momento in cui ci sono queste regole facciamo in modo che vengano rispettate oppure facciamo in modo che i probiviri abbiano le informazioni che gli servono. Ovviamente lo vediamo dall’esterno”.

Il bilancio – Nel 2019 gli iscritti a Rousseau aventi diritto di voto sono passati da 105.73 (dicembre 2018) a 130.244 (dicembre 2019): ad oggi la piattaforma ha raggiunto gli oltre 174 mila iscritti certificati. Nel 2019 la piattaforma ha anche rinnovato l’area Voto che “oggi registra il 95% di gradimento da parte degli iscritti – ha continuato Casaleggio – resa più sicura e scalabile per permettere elevati volumi di partecipazione come nel caso della votazione per il nuovo governo nel quale si è sfiorata la quota di 80mila votanti, un record mondiale per una votazione politica online in un solo giorno”. Casaleggio ha poi ricordato che Rousseau “coordina in modo bidirezionale le attività degli eletti del M5s con quelle degli iscritti sui territori, ad ogni livello: informativo, attraverso il Blog delle Stelle, di coordinamento e sviluppo degli strumenti di democrazia diretta e partecipativa, di formazione e supporto, di tutela legale e di creazione di grandi eventi online e in presenza, di livello nazionale”. E ha sottolineato la volontà di presentare il bilancio online, “non solo in un’ottica di totale trasparenza ma anche perché, così come Rousseau è il cuore pulsante del Movimento, gli iscritti sono il cuore pulsante di Rousseau. La grande partecipazione registrata per questo evento testimonia il grande interesse per questo straordinario progetto di democrazia diretta unico al mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Family act, ok al ddl della ministra Bonetti. Dai congedi ai rimborsi delle rate: cosa prevede. Assegno unico, avanti con la proposta Delrio

next
Articolo Successivo

Family Act, la ministra Elena Bonetti: “Scelta di speranza e coraggio. Assegno unico? Prosegue percorso parlamentare di proposta Delrio”

next