“Facciamo chiarezza: non stiamo regalando le fregate all’Egitto, le stiamo vendendo. Abbiamo la possibilità di vendere queste navi, possibilità che avrebbero anche altri Paesi. È una manovra di tipo economico“. Sono le parole del capo politico del M5s, Vito Crimi, intervistato da Peter Gomez a Sono le Venti (in onda sul Nove dal lunedì al venerdì dalle 19.53), in merito alla vicenda delle navi militari italiane vendute all’Egitto per circa nove miliardi di euro. “È singolare – ha aggiunto Crimi – che la commissione d’inchiesta su Giulio Regeni convochi il presidente del Consiglio. Quasi che Conte si debba giustificare per quanto accaduto allora”.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caporalato nel settore agricolo, blitz di 300 finanzieri tra Cosenza e Matera: 52 arresti. Le immagini

next
Articolo Successivo

Per risollevare il Paese serve la partecipazione dei cittadini. Ascoltiamo loro oltre ai tecnici

next