Greenpeace lo ha definito “il più grave disastro ambientale russo dal 1989″. Quando, cioè, la petroliera Exxon Valdez si incagliò nel golfo di Alaska disperdendo in mare circa 40 milioni di litri di petrolio. Questa volta l’incidente è avvenuto, il 29 maggio, nel fiume Ambarnaya, in Siberia. Nell’acqua, secondo le autorità locali, sono finite 20 mila tonnellate di diesel. Due giorni fa il presidente Vladimir Putin è stato costretto a dichiarare lo stato d’emergenza nella regione. Le immagini, dall’alto, mostrano la gravità della situazione: sul posto ci sono centinaia di persone intente a ripulire il corso d’acqua, anche se finora sono state pompate fuori dal fiume poche centinaia di tonnellate. Il direttore della centrale elettrica da cui ha avuto origine il disastro è stato arrestato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finlandia, si dimette la ministra delle Finanze: aveva usato più di 50mila euro dei contribuenti per un corso di comunicazione

next
Articolo Successivo

Floyd, Trump: “George ci guarda dal Paradiso e sta lodando l’economia americana”. Proteste social. Biden: “Parole spregevoli”

next