Rimane bloccato nell’ascensore, ma quando tenta di uscire precipita nel vuoto. È morto così mercoledì 3 giugno Giuseppe Marrazzo, di 68 anni, come riporta Repubblica: l’uomo è deceduto dopo essere caduto nel vano dell’ascensore rimasto bloccato tra il quarto e il quinto piano del palazzo dove risiedeva in via Castagnevizza a Torino. Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri che hanno ritrovato il corpo senza vita della vittima.

Da quando si apprende, Marrazzo stava cercando di raggiungere i contatori della corrente elettrica malfunzionanti, ma è rimasto bloccato all’interno dell’ascensore. Aiutato da un vicino di casa, la vittima ha provato a uscire ma invece che cadere sul pianerottolo è precipitato nel vuoto. In mattinata alcune strade dei quartieri Santa Rita e Mirafiori (dove si trova anche la via della tragedia) erano state colpite da un blackout, ma non è chiaro se l’episodio possa essere collegato alla morte dell’uomo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, più di 6mila rientri in un giorno dopo il via libera allo spostamento tra Regioni. Emiliano: “Auto-segnalazione obbligatoria”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Brusaferro: “No al riuso delle mascherine. Possibile seconda ondata, ma meno violenta”

next