Patrick George Zaki, lo studente egiziano dell’università di Bologna arrestato all’aeroporto del Cairo il 7 febbraio con l’accusa, tra le altre, di propaganda sovversiva su Facebook, rimarrà in carcere per altri 15 giorni. I giudici che hanno in mano il suo caso hanno di nuovo optato per un nuovo rinnovo della detenzione nel carcere di Tora, nella Sezione II Scorpion riservata agli oppositori politici. Questa volta, la decisione è stata presa senza nemmeno la presenza del ragazzo o dei suoi avvocati, ai quali è stata notificata tre giorni dopo la data stabilita che era il 1 giugno.

Con questo ennesimo rinnovo, alla prossima udienza sul suo caso il giovane sarà rimasto in carcere per più di 4 mesi senza un regolare processo. Ma la legge egiziana prevede che la carcerazione preventiva possa durare fino a due anni. “L’ultima volta che Patrick si è presentato davanti a un pubblico ministero è stata il 7 marzo – scrivono gli attivisti del gruppo Patrick Libero – Il che significa che Patrick è stato in detenzione preventiva senza presentarsi davanti a un pubblico ministero già da quasi tre mesi”. In questo periodo, Zaki non ha solo visto rinnovare la propria detenzione ma, a causa della pandemia di coronavirus e la conseguente sospensione delle udienze, è rimasto in carcere anche a causa dei rinvii che queste hanno subito.

Ma nelle ultime settimane la preoccupazione dei suoi familiari, che non lo vedono dal 9 marzo, e di tutti coloro vicini alla sua causa è anche legata al timore di diffusione del Covid all’interno del carcere nel quale è detenuto. Un fattore, questo, che ha portato Amnesty International e altre organizzazioni in difesa dei diritti umani a chiedere con più forza la scarcerazione del giovane che, secondo quanto riferito dalla famiglia, è un soggetto asmatico e quindi esposto a maggiori rischi in caso di contagio.

E il timore è cresciuto il 2 giugno, quando proprio Amnesty, citando alcune organizzazioni locali in difesa dei diritti umani, ha diffuso la notizia secondo la quale sono stati registrati casi di positività all’interno del penitenziario: “Intanto, per l’Eid sono stati scarcerati 3mila detenuti, tra cui ladri e almeno un assassino, ma non Patrick Zaki e gli altri”, ha denunciato l’organizzazione.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regno Unito, ministro suda e sta male durante intervento in Aula: testato per coronvirus

next
Articolo Successivo

George Floyd, a Minneapolis la prima cerimonia funebre per ricordare l’afroamericano ucciso dalla polizia. Segui la diretta

next