La pandemia da Coronavirus come sappiamo ha avuto e avrà ancora effetti devastanti sull’economia mondiale. Per quel che ci concerne in questa rubrica ad esempio, abbiamo parlato più volte degli effetti deleteri sul settore degli smartphone, ma a passarsela male, ad esclusione di smartwatch e fitness tracker, sono anche diversi altri prodotti, in particolare computer desktop e tablet, come conferma anche l’ultimo studio effettuato da Canalys, importante società di analisi di mercato. Secondo i dati Canalys infatti il 2020 dovrebbe chiudersi con un -7% per le spedizioni complessive di tablet e PC rispetto allo stesso periodo del 2019, con 367,8 milioni di unità spedite anziché 395,6.

“Il peggio è alle nostre spalle poiché si prevede che il secondo, terzo e quarto trimestre 2020 registreranno un calo delle spedizioni anno su anno inferiore rispetto a quello registrato nel primo trimestre”, spiegano gli analisti.

“Ciò è dovuto principalmente al ritorno alla normalità per la filiera di approvvigionamento e della base produttiva in Cina, che risponderà a una domanda in rapida crescita grazie a segmenti come smart working e istruzione. Tuttavia, l’impatto recessivo del coronavirus sulle economie globali non diminuirà e consumatori, imprese e governi daranno la priorità alle spese vitali prima che all’aggiornamento dei computer”, conclude la ricerca.

Fanno parzialmente eccezione i notebook, le cui vendite sono state sostenute in questi mesi e lo saranno anche nel prossimo futuro, proprio dall’accresciuta domanda dovuta agli investimenti fatti da lavoratori a distanza e scuola. Tuttavia il rallentamento imposto ai ritmi produttivi, dovuto al lockdown prolungato in Cina, dove si concentra la maggior parte dei produttori e delle aziende manifatturiere, e un lento ritorno alla normalità, si faranno sentire per lungo tempo: “Canalys prevede che il mercato globale dei PC tornerà a crescere del 2% nel 2022 […] Ma è importante mantenere le cose in prospettiva: una modesta ripresa da un debole 2020 non consentirà al mercato dei PC di tornare ai livelli del 2019 per ancora alcuni anni a venire“.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Base di ricarica 6-in-1 per dispositivi Apple e Android a 28 euro su Amazon

next
Articolo Successivo

Udoo Bolt Gear, mini PC economico e tutto italiano

next