Un ragazzo di 18 anni è stato aggredito con cinque coltellate alla schiena lo scorso sabato sera in pieno centro a Torvaianica, in provincia di Roma. Tre minorenni, uno di 17 e due di 16 anni, sono stati fermati dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio in concorso e lesioni gravi e sono stati portati all’Istituto penitenziario minorile di Roma. Il 18enne, straniero ma da tempo residente a Torvaianica, è stato ricoverato all’ospedale Sant’Eugenio di Roma e non è in pericolo di vita.

Dalla ricostruzione dei carabinieri, l’aggressione è nata dopo una lite tra i tre giovani e la vittima. Prima lo hanno colpito calci e pugni, poi uno dei tre aggressori ha tirato fuori un grosso coltello dalla tasca e ha colpito il 18enne con cinque pugnalate alla schiena. A quel punto i tre minorenni sono fuggiti a piedi, lasciando la vittima per strada in un bagno di sangue. A dare l’allarme è stato un passante che ha chiamato i carabinieri e il ragazzo è stato subito trasportato all’ospedale.

I militari sono poi riusciti a identificare i tre minorenni: uno di loro si era rifugiato a casa di una zia, nel comune di Ardea (Roma), dove è stato trovato ancora con le mani e i vestiti insanguinati e ha consegnato spontaneamente il coltello usato. Gli altri due minori, invece, sono stati trovati nelle rispettive abitazioni a Torvaianica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pisa, contrabbandavano carburanti: 12 arrestati. Sequestrati conti correnti e beni per 14 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Dai gilet arancioni ai no mask: in quest’epoca di pazzi ci mancavano ‘gli idioti dell’orrore’

next