Denaro in cambio della libertà, sentenze comprate e giudici pagati per far scarcerare boss e gregari della cosca Bellocco di Rosarno. L’ennesimo terremoto giudiziario è scritto nero su bianco nelle undici pagine dell’avviso di conclusione indagini notificato nei giorni scorsi dalla Dda di Catanzaro. Secondo gli inquirenti il giudice Giancarlo Giusti (oggi deceduto) ha accettato 120mila euro per far scarcerare tre esponenti della ‘ndrangheta che erano stati arrestati dalla Procura di Reggio Calabria.

Tra gli indagati c’è pure l’avvocato Armando Veneto, 85 anni, originario di Palmi, ex deputato ed ex parlamentare europeo dell’Udeur, già sindaco di Palmi con il Partito popolare. Il procuratore Nicola Gratteri, l’aggiunto Vincenzo Capomolla e il sostituto procuratore Elio Romano lo accusano di corruzione in atti giudiziari aggravata dall’agevolazione alla ‘ndrangheta. Lo stesso reato viene contestato ad altri sei indagati: Domenico Bellocco, alias “Micu u Longu”, Vincenzo Puntoriero, Gregorio Puntoriero, Vincenzo Albanese, Giuseppe Consiglio e Rosario Marcellino.

Per ogni scarcerazione il giudice avrebbe intascato 40mila euro. Complessivamente, quindi, per annullare tre ordinanze di arresto il magistrato Giusti sarebbe stato pagato 120 mila euro. I fatti risalgono all’agosto 2009 quando gli indagati avrebbero dato danaro o comunque avrebbero svolto il ruolo di intermediari nella dazione di soldi a Giusti. Il magistrato era giudice relatore ed estensore del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria e aveva annullato le ordinanze di misura cautelare emesse dal gip su richiesta della Dda reggina nei confronti di Rocco Bellocco, Rocco Gaetano Gallo e Domenico Bellocco.

Sono loro tre, quelli che i pm, definiscono i “corruttori” del giudice. Gli intermediari, invece, sarebbero stato i due Puntoriero e l’avvocato Armando Veneto. Il noto penalista, infatti, è accusato di essere stato il trait d’union tra i mafiosi e il magistrato poi morto suicida nel 2015 dopo essere stato coinvolto in due inchieste antimafia.

Secondo i pm di Catanzaro, competenti sulle indagini che riguardano i magistrati reggini, la corruzione sarebbe avvenuta “per avvantaggiare la cosca Bellocco – è scritto nel capo di imputazione – in un momento di particolare difficoltà generato dall’esecuzione di numerose ordinanze di custodia cautelare in carcere”.

L’avvocato Veneto e gli altri indagati, inoltre, sono accusati di concorso esterno con la ‘ndrangheta. Il penalista e Domenico Puntoriero, infatti, “in forza del rapporto di amicizia con Giancarlo Giusti, – è scritto nell’avviso di conclusione indagini – fornivano un concreto apporto al rafforzamento, alla conservazione e alla prosecuzione dell’attuazione del programma associativo criminoso della cosca Bellocco, nella sua articolazione territoriale operante a Rosarno, Emilia Romagna e Lombardia”.

Secondo gli inquirenti, quindi, pur non facendone parte Veneto e Puntoriero avrebbero favorito la cosca Bellocco che, grazie alla loro intermediazione, è riuscita a “riaffermare e rafforzare il potere della stessa attraverso la ripresa operativa sul territorio dei ruoli che ciascuno dei tre soggetti posti in libertà vi ricopriva”. Adesso gli indagati hanno 20 giorni di tempo per chiedere di essere interrogati o depositare memorie alla Dda di Catanzaro. Subito dopo, il procuratore Gratteri e i pm potranno decidere se chiedere il rinvio a giudizio o archiviare. Di solito la chiusura indagini è il prologo della prima opzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, ok al nuovo codice degli appalti: stop ai conflitti d’interesse e ai pregiudicati. Bergoglio: “Così riduciamo la corruzione”

next
Articolo Successivo

Tangenti Lombardia, chiuse le indagini su Lara Comi e altri 33: “Caianiello riusciva a controllare società a partecipazione pubblica”

next