Su Twitter c’è chi parla di disgusto, chi di genocidio, chi fa paragoni con la furia iconoclasta dei talebani. Certo è che il colosso minerario Rio Tinto si è dovuto scusare dopo aver fatto saltare in aria con la dinamite un sito indigeno sacro risalente a 46.000 anni fa per espandere una miniera di ferro nella gola di Juukan, nell’Australia occidentale. Diversi media, Abc, Guadian e anche la Cnn, ne parlano. Il sito, praticamente sbriciolato dall’azione dei minatori, aveva due sistemi di grotte che contenevano migliaia di manufatti risalenti a decine di migliaia di anni di occupazione umana continua.

Rio Tinto è una delle più grandi compagnie minerarie del mondo ed è operative in molti territori e in particolare in Australia. La demolizione è avvenuta il 24 maggio scorso nonostante una battaglia lunga sette anni condotta dai custodi locali della terra sacra, il Puutu Kunti Kurrama e il Popolo Pinikura, per proteggere proprio il sito in questione. “Siamo spiacenti per l’angoscia che abbiamo causato. Il nostro rapporto con il Pkkp è molto importante per Rio Tinto, che ha lavorato insieme per tanti anni”, ha dichiarato Chris Salisbury, Ceo di Rio Tinto Iron Ore, in una nota. “Continueremo a lavorare con il Pkkp per imparare da ciò che è accaduto e rafforzare la nostra partnership. Con urgenza, stiamo rivedendo i piani di tutti gli altri siti nell’area della gola di Juukan”. La società ha quindi dichiarato di aver agito nel quadro di un accordo “globale e reciprocamente concordato” dal 2011.

Foto: Puutu Kunti Kurrama And Pinikura Aboriginal Corporation

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

George Floyd, Trump attacca i governatori: “Se non fate arresti siete degli idioti”. Obama: “Manifestanti meritano rispetto”. Tre morti e 4mila in manette. Coprifuoco in 40 città e Guardia Nazionale in 26 Stati

next
Articolo Successivo

George Floyd, bambina colpita dallo spray al peperoncino: le proteste a Seattle

next