“Sotto quel ginocchio che ha ucciso George Floyd abbiamo perso tutti il respiro”. È il grido degli attivisti antirazzisti milanesi che questo pomeriggio hanno manifestato davanti al consolato americano del capoluogo lombardo. Lì hanno urlato il nome del cittadino americano morto a Minneapolis durante un arresto della polizia. Ma non solo. Hanno scandito anche alcuni nomi, quelli conosciuti, delle vittime della violenza poliziesca, dello sfruttamento nei campi e nel mar Mediterraneo. Tutti indossavano mascherine con la scritta “I can’t breath”, portando cartelli per chiedere verità e giustizia per tutte le vittime del razzismo. Non solo negli Stati Uniti, ma anche in Europa. “Nessuno può respirare con tutto questo razzismo, in tutto il mondo riprendiamo il fiato e leggiamo i nomi di tutte e tutti”, hanno concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, al Covid Hospital di Civitanova Marche due soli pazienti. Asl: “Ne arriveranno altri 7”. Ma nessun attuale ricoverato può essere trasferito. Ceriscioli: “Medici precettati? Unico modo senza volontari”

next
Articolo Successivo

Lodi, arrestato il “mago Candido”: truffava gli anziani promettendo di togliere il malocchio. Sequestrati 3,6 milioni di euro

next